Trekking sulle vie storiche della collina modenese

 (PASQUA)
Sabato 7, domenica 8 e lunedì 9  Aprile 2012   

Trekking sulle vie storiche della collina modenese

Percorso a ferro di cavallo che s’innalza dalla pianura fino alle prime colline e si svolge in salita e discesa sui tracciati di due antichissime vie. Percorreremo la Via Vandelli, integralmente dal Palazzo Ducale di Sassuolo a Serramazzoni, e scenderemo da Guiglia lungo un probabile tracciato di una Via Cassaiola, una strada romana di valico che seguiva il crinale Reno-Panaro da Savignano sul Panaro a Lizzano in Belvedere. Il percorso intermedio, fra Serramazzoni e Guiglia attraversa, prevalentemente su sentieri, la valle del Tiepido, scavalca un secondo tracciato della Via Vandelli nei pressi di San Dalmazio e quello della via romea Nonantolana nei pressi di Ospitaletto, per poi scendere nella valle del Panaro e risalire a Guiglia. Un moderno percorso a piedi su antiche strade che tocca emergenze naturalistiche come i calanchi, i Sassi di Varana, le Cascate di Bucamante, le Salse di Ospitaletto, i Sassi di Roccamalatina, e l’asta fluviale del Panaro, perse in un paesaggio condiviso da coltivi e querceti. Le emergenze storiche sono date dalle centinaia di belle e innominate, antiche case, storiche chiese, vecchie massicciate e pilastrini votivi che si incontrano lungo il sentiero e dai più noti Palazzo Ducale di Sassuolo, borgo di Faeto, Via Giardini,  i castelli di Monfestino, Guiglia. Savignano e Spilamberto e i loro rilevanti centri storici. L’occasione per osservare sulle nostre vicine colline le cose più belle, che solo a piedi si possono notare. Trekking adatto solo a escursionisti allenati. Si parte con ogni tempo.

1a tappa:   Sassuolo – M. Scisso – Faeto – Serramazzoni
lunghezza    km 22 ca.         dislivelli    + 949, – 315        ore di marcia     6.10

2a tappa:   Serramazzoni – Monfestino – Ospitaletto – Guiglia
lunghezza    km 24 ca.         dislivelli    + 595, – 885         ore di marcia7.40

3a tappa:   Guiglia Savignano- Spilamberto
lunghezza    km 22 ca.         dislivelli    + 137, – 527         ore di marcia    6.00

– Viaggio in treno e autobus di linea.
– Massimo di posti disponibili 15.
– Pernottamento in alberghi a due stelle a Serramazzoni e Guiglia.
– Altitudine massima raggiunta: Faeto 887 metri; minima: Spilamberto 70 metri.
– Spesa totale prevista in 120-140 euro
– Partenza da Carpi alle ore 7 di sabato e ritorno a Carpi previsto per le ore 19 di lunedì 9.

Chiusura delle iscrizioni venerdì 2 marzo con versamento della
caparra di euro 50,00 per prenotazione alberghi e viaggio andata.