dal 15 al 23 luglio 2012: Alta Via delle Dolomiti N. 3

il rifugio Venezia al Pelmo 6a tappa

Col CAI di Carpi sull’Alta Via delle Dolomiti N. 3

Come molti già sanno, ho conosciuto il CAI  a  ventitré anni, per caso, passando davanti alla bacheca che pubblicizzava l’Alta Via delle Dolomiti N. 2, organizzata da alcuni soci della nostra sezione, ai quali sarò riconoscente per tutta la vita. Fino ad allora avevo avuto sporadiche esperienze di montagna. Mi accettarono, non socio; percorsi tutta l’Alta Via, e fu quella la scintilla che fece nascere un grande amore che dura da 37 anni e che spero continui.
A queste Alte Vie organizzate dalla sezione poteva partecipare chiunque. Ne programmammo altre in seguito, almeno una ventina,  una all’anno, generalmente in luglio, alcune anche alpinistiche per noi che allora ci ritenevamo più bravi se facevamo le cose difficili.
E’ parecchio che non se ne organizzano più ed é un peccato.
Seconda premessa:
Questa estate devo fare i sopralluoghi per scrivere la guida dell’Alta Via delle Dolomiti N. 3 (la 1 e la 2 sono in corso di pubblicazione entro il prossimo mese di giugno). Ho pensato che sarebbe bello riuscire a fare entrambe le cose: accompagnare un gruppo del CAI di Carpi (naturalmente gratis, stile CAI) e contemporaneamente scrivere la guida.
Questo fatto permetterebbe a chi non se la sente di affrontare un’Alta Via da solo di percorrerla in compagnia, accompagnato da una persona esperta  e a me di camminare almeno per una settimana assieme ad altri e di fare foto da pubblicare sul libro con  amici e non ,come al solito, di sconosciuti.
I  patti sono che  Paolo  accompagna e  chi partecipa accetta che Paolo ha l’esigenza  di fare tappe brevi, fermarsi spesso per prendere appunti e fotografare, a volte  anche di ritornare sui propri passi (solo lui), di salire su  alcune cime, e la sera in rifugio metter giù le prime bozze dei testi. Non dovrebbe essere a mio parere un  grosso problema per gli accompagnati e anzi potrebbe costituire un’opportunità, ma se dovesse esserlo sappiano fin d’ora che é meglio che vadano altrove.
Il tratto da fare in compagnia é il tracciato più breve del percorso base, che viene dettagliato qui di seguito, poi io tornerò indietro una o due volte per descrivere tutte le varianti.
Tutto il percorso che faremo assieme, spero ridendo molto,  si svolge su sentieri facili, non attrezzati, segnati e tabellati, ad eccezione di un tratto ferrato sulla ottava tappa evitabile (ed evitando anche una notte in bivacco) terminando il trekking dopo sette giorni alla Casera Bosconero da dove si scende in 1h30′ a Pontesei e di qui  si raggiunge in autobus Longarone, termine dell’Alta Via.
Siccome il percorso é “facillimo” preferirei accompagnare persone senza esperienza di montagna, com’ero io allora (e se ci sarà da scegliere, dato che i posti sono limitati e bisogna prenotare i rifugi almeno un mese prima, darò la priorità ai meno esperti) sperando  che  s’innamorino della montagna,  com’io feci allora anche per merito del Cai di Carpi.
Paolo Cervigni

 

da domenica 15 a lunedì 23 luglio 2012
Alta Via delle Dolomiti N. 3
da Villabassa a Longarone

Partenza da Carpi domenica 15 luglio 2012, viaggio in treno fino a Villabassa e in autobus fino a Ponticello da dove si parte a piedi.

giorno               luogo di arrivo                  chilometri    ore di marcia                    dislivelli

domenica 15    rifugio Vallandro                        9                 3h 00′                           + 549
*lunedì 16          rifugio Vandelli                        23                  7h 20′                         +1032       – 1144
* possibilità di ridurre la marcia a 3h30′ prendendo un taxi con dislivelli ridotti a +776 e -1144
martedì 17        rifugio Tondi                             6                  2h 30′                           + 468        – 69
mercoledì 18    rifugio Larin                             18                  4h 50′                           + 244        – 1358
giovedì 19        rifugio Venezia                        12                  4h 00′                           + 986        –  253
venerdì 20        rifugio Dolomites                    15                  4h 40′                           + 715        –  501
**sabato 21         rifugio Casera Bosconero          11                3h 20′                        + 464        – 1167
** possibilità di terminare qui il trekking
domenica 22    bivacco Tovanella                      8                  4h 30′                           + 834         – 603
lunedì 23          Longarone                               12                  3h 50′                           + 152         – 1340
—————————————————————
totali                                     114                  38h 00′

Lunedì 23         ritorno a casa in treno via Belluno-Venezia-Padova-Verona-Mantova-Carpi

Tutti i sentieri sono facili e privi di tratti attrezzati tranne nell’ottava tappa dalla Casera Bosconero al bivacco Tovanella che si può evitare (così come il pernottamento in bivacco) ** scendendo a piedi in due orette a  Pontesei e di qui raggiungere in autobus la stazione ferroviaria di Longarone

Prenotazioni entro il 10 giugno presso la sede del CAI di Carpi con contestuale versamento della caparra di 100 euro per prenotazioni rifugi e viaggio di andata  in treno.  
Costo stimato dell’intero viaggio intorno ai 400-500 euro.percorso base da Villabassa a Longarone